Hai dimenticato la password?

03 Aprile 2017

COMUNICATO STAMPA TESTAMENTO BIOLOGICO: AIAF CHIEDE AI PARLAMENTARI DI ACCELERARE L’ITER DI APPROVAZIONE DELLA LEGGE

COMUNICATO STAMPA

TESTAMENTO BIOLOGICO: AIAF CHIEDE AI PARLAMENTARI
DI ACCELERARE L’ITER DI APPROVAZIONE DELLA LEGGE

Riprenderà alla Camera Martedì 4 Aprile 2017 la discussione sul “testamento biologico” – Testo Unificato delle Proposte di Legge “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”.

AIAF – Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori segue con attenzione l’iter parlamentare e manifesta la piena condivisione dell’articolato che conferisce opportuna attuazione al fondamentale principio costituzionale secondo cui “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.” (art. 32, 2° comma Cost.).

La Legge proposta costituisce il giusto riconoscimento del principio di libertà e di autodeterminazione delle persone anche in ambito medico-sanitario.

AIAF auspica pertanto che, superate le forme di ostruzionismo che finora ne hanno rallentato l’esame parlamentare, possa finalmente ricevere pronta approvazione il Testo Unificato proposto che si suddivide in tre parti:

1) il Consenso informato, con il quale viene riconosciuto il diritto di ciascuno di conoscere in modo completo ed aggiornato le proprie condizioni di salute e di esprimere, in forma scritta, la propria eventuale contrarietà a particolari accertamenti diagnostici o a percorsi terapeutici;

2) le Disposizioni anticipate di trattamento con le quali vengono manifestate indicazioni in materia di trattamenti sanitari in vista di un’eventuale futura “incapacità di autodeterminarsi”.

3) la Pianificazione condivisa delle cure con la quale viene concordato tra medico e paziente un programma terapeutico al quale il medico dovrà attenersi qualora il paziente dovesse in futuro trovarsi in condizioni di non poter esprimere la propria volontà.

E’ sempre contemplata la possibilità di indicare un soggetto fiduciario che vigilerà sul rispetto delle disposizioni impartite dall’interessato e, nei casi di contrasto con il personale sanitario, è previsto l’intervento dirimente del Giudice Tutelare.

AIAF auspica che un altro importante tassello possa essere aggiunto in tempi brevi al riconoscimento dei diritti fondamentali e della dignità delle persone.